Risparmio nella spesa pubblica e responsabilità individuali

Indubbiamente le corruzioni che via via scopriamo in tutti gli ambienti ci indegnano e richiedono misure punitive adeguate.

Ma … se non smettiamo di tollerare tutte quelle forme di spreco causate da ciascuno di noi rispetto ai beni comuni, non risolveremo mai il problema.
Per anni ho provato (e in parte sono riuscito) a spendere bene i soldi della scuola, nella quale lavoravo, con tante piccole soluzioni, collaborazione di gran parte del personale, assunzione di responsabilità da parte di diversi operatori. Ora vedo che probabilmente si ritornerà alle forme di ordinario spreco presenti in molte scuole (che poi si lamentino di non avere risorse è un’altra questione).
Il centro nevralgico di questo nel bene e nel male è la segreteria e la dirigenza: da qui parte tutto, la volontà di gestire in modo ottimale finalizzando all’efficacia ed efficienza del sistema o la volontà di evitare qualsiasi problema, spendendo senza una vera analisi della situazione e la ricerca di soluzioni adeguate allo scopo.

Ci possono essere molti esempi; mi limito qui a quello forse più difficile da capire immediatamente, ma sul quale anche la Corte dei Conti ha puntato il dito recentemente: la mancata attuazione della legge sulla digitalizzazione della pubblica amministrazione, in vigore da tre anni e ancora non applicata (ma perché non si prevedono sanzioni o reati per chi non rispetta queste leggi?). I vantaggi principali della sua applicazione sarebbero principalmente il risparmio di carta sia come acquisto che come occupazione di spazi e la maggior efficienza del lavoro (si fa di più in minor tempo). Perché non si applica? per la sostanziale ignoranza operativa di molti impiegati e dirigenti, per la non disponibilità a modificare le proprie abitudini, per la facile adesione a proposte di aziende che traggono vantaggio dal conservare questa situazione. E per l’italica abitudine a ignorare le leggi che non ci interessano o che non hanno sanzioni.

Fino a che non apriremo gli occhi sugli enormi sprechi che abbiamo vicino ma tolleriamo, difficilmente riusciremo ad uscire dalla nostra situazione stagnante.

Alla prossima, non mancano esempi …. purtroppo.

Questa voce è stata pubblicata in Appunti di viaggio. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento